Abbinamenti
parte seconda

Parte terza

Il vino compie il miracolo di rifare dell'uomo quello che non avrebbe mai dovuto cessare di essere: l'amico dell'uomo.
(R. Engel)

A. Fourie, Pranzo di nozze a Yport, Musée des Beaux Arts, Rouen

Antipasti:

Sottaceti: nessun vino.

Ostriche e frutti di mare: grandi vini, molti secchi, di corpo non eccessivo e molto giovani.

Minestre in brodo: vini bianchi, asciutti, abboccati o amabili, oppure vini rosati, secchi o abboccati.

Paste asciutte e risotti: a seconda della salsa che li accompagna:

Uova: vini bianchi asciutti, freschi.

Pesci: vini bianchi secchi, di medio corpo.

Pesci fini e crostacei:

Carne:

Insalate: nessun vino.

Verdure: il vino si sceglie non in base al legume, ma in base al piatto che il legume accompagna.

Formaggi:

Dolci: spumanti dolci e amabili o vini bianchi freschi, dolci o abboccati.

Gelati: nessun vino.

Frutta: se preceduta da un dolce, vini bianchi o rosati, amabili o leggermente dolci se non preceduta dal dolce, vini liquorosi dolci.

In sintesi