PROVERBI SUL VINO

IN DIALETTO ROMAGNOLO

Un gt e' fa ben, d i n'fa ml, u t' sagta un buchl. Un gotto fa bene, due non nuocciono, ti rovina un boccale.
Una bona dbuda la t' fa rmpar mej l'ria e la t' fa vd e' mond pi bl. Una buona bevuta ti fa romper meglio l'aria e ti fa vedere pi bello il mondo.
S't'v gud la sanit e' ven t' da daqu. Se vuoi godere salute dovrai innaffiare il vino.
Se t' b de' ven dla frza t'a n ciapar, ma se trop t'a n bir la frza t' pardar. Se bevi vino prenderai forza, ma se troppo ne berrai la perderai.
Par San Martn u s'imbariga grend e pznn. Per San Martino s'ubriacano grandi e piccini.
Mej puz 'd ven che 'd zera. Meglio puzzare di vino che di cera.
L'uva ad muntagna ch' n' la pga u n' la magna. L'uva di montagna chi non la paga non la mangia.
Legna verda, pan cun la mofa e ven frt e pu l' un mircul s'a n s mrt. Legna verde, pane con la muffa e vino forte ( acido ) e poi sar un miracolo se non sono morto.
La mela cruda la tira dr una dbuda, la mela cota la n' tira dr una cipa. La mela cruda trae dietro una bevuta, la mela cotta ne trae seco il doppio.
L'aqua la fa ml, e' ven e' fa cant. L'acqua fa male, il vino fa cantare.
I pez fiur j qui de' ven. I peggior fiori sono quelli del vino.
E' ven l' la tetta di vcc. Il vino la poppa dei vecchi.
E' sugh dla vda l'arvena la vita, che trop a n' bir la vita u s'arvinar. Il succo della vite rovina la vita, chi troppo ne berr, la vita si roviner.
E' ris e' nss int l'aqua e e' v mur int e' ven. Il riso nasce nell'acqua e muore nel vino.
E' cmar quand che vn e l'uva quand ch'la va. Il cocomero a sua stagione e l'uva a stagione tarda.
Dop av db ignn v d la s. Dopo aver bevuto ognuno vuol dire la sua.
De ven bon s't'bir e' tu sangv t'arnuvar. Se berrai vino buono, rinnoverai il tuo sangue.
Contra i pinsr un gran rimdi l' e' bichr. Contro i pensieri (molesti) un gran rimedio il bicchiere.
B e' ven e lassa and l'aqua a e' mulen. Bevi vino e lascia andare l'acqua al mulino.
Se t'v st ben, magna fort e be de' ven! Se vuoi star bene, mangia molto e bevi vino.

Da "Proverbi romagnoli" di A. Spallicci, ed. Giunti (Firenze 1996)

BACK