Poesie, Filastrocche, Zirudele

3

LA CANTA DE' SANZVES

E st gavegn j ha fat una barila
e la barila l' int e' mzz d'un pr
parch e' Signor ch'u i vega a banadila
ch'la j ha d'av e' su che.
E' b de' mi paes
l' propi un b ch'l'aiuta
che dona in d che bagna.
Dasm un gt 'd sanzves
ch'a begga a la saluta
ad tota la Rumagna.
E' su culor u j l'ha dun la nota
cun al st stl ch'a gli ha purt splindor,
e' sol majstar u j ha mess la bota
e una viola l'udor.
E' b de' mi paes
ecc. ecc.

Ol e' tambur! avanti a la marcda
sota burdel! che e' mond e' sta da st
e l'anma la v f la su cantda
ch'u j una bela str.
E' b de' mi paes
ecc. ecc.

E' SANZVES

Dg quel ch'u v' p, l' un bon bichi da b
che s'u v'ven a cat int e' fond dla panza
u v'arnova da lat cun n'abundanza
ad sangv che e' pzil e' va a fal da spr.
E cr, guardl, l' cr coma mezd
e l'ha de' corp e l'ha dla gran sustanza,
e no 'd cla smigula da gumit
'd chi vinatn chi sugh ad melaranza.
U i v un bel lt, un lt coma a deggh me,
e pu stugli in s du tri bichir,
ch'la j propi la schrpa de' su p.
E ste sanzves che d la vesta a un zigh
a ve sint ben chld coma un rispir
ch'u v' brazza stret cumpagna un bon amigh.

 

G. Ceruti, Natura morta con piatti di peltro, coltello, forma di pane, salame, noci, bicchiere e brocca di vino rosso (coll. privata)

Segnalo questa poesia dedicata al vino di Romagna:

e-mail

LA CANTATA DEL SANGIOVESE

E sette cavagni* hanno fatto un barile ed il barile in mezzo
al prato perch il Signore vada a benedirlo, perch ha d'avere (quel
certo che) il suo che.
Il bere (il vino) del mio paese proprio un vino
che aiuta, che dona dove bagna.
Datemi un gotto di sangiovese ch'io
beva alla salute di tutta la Romagna.
Il suo colore gliel'ha donato
la notte con le sette stelle che gli hanno portato splendore, il sole maestro gli ha messo la botta (l'impeto) e una viola mammola l'odore.
Il bere del mio paese ecc. ecc. 

Ol, il tamburo! avanti in marcia, sotto ragazzi! che il mondo in attesa e l'anima vuol fare la sua cantata che c' una bella strada.
Il bere del mio paese ecc. ecc.
 

* Cesti di vimini intrecciati usati per la vendemmia.

Aldo Spallicci, Poesie in volgare di Romagna, ed. Garzanti 1961.

IL SANGIOVESE

Dite quel che vi pare, un buon bicchiere di vino che se vi viene a trovare (ad accattare) in fondo alla pancia, vi rinnova del tutto con un'abbondanza di sangue che lo speziale va a fallire da disperato.
E' chiaro, guardatelo, chiaro come mezzod ed ha del corpo,
ha di gran sostanza e non di quella brodaglia da vomitare di quei vinicelli che sono sugo di melarancia.
Ci vuole un bel letto, un letto come dico io e poi coricategli sopra due o tre bicchieri che sono proprio la scarpa del suo piede.
E questo sangiovese che dona la vista ad un cieco, ve lo sentite ben caldo come un respiro che v'abbraccia stretto come un buon amico.

Aldo Spallicci, Poesie in volgare di Romagna, ed. Garzanti 1961.

LE BELLE CONTADINE

(...)
Quando a ottobre
la vendemmia a farsi viene,
come sa bene
l'uva pestar!
Tinello nuovo,
gambe bianche e vino d'oro,
oh, che tesoro,
che guadagner il padron!

Ma, se me ne accorgo un poco
che mi mette fuoco,
si combina un gioco.
Il grappo maturo,
ma di cuor duro...
Se lo fo venir vicino,
si ribalta il tino,
mi sporca il vino:
cos in vendemmia
l'amore si fa.
(...)

(da Olimpia Stoppa, in V. Tonelli, La Romagna di Plauto)