Poesie, Filastrocche, Zirudele

2

L'ULTIMI SOL

S’la scaraneta u traversa la piaza
strassnand al gambi lenti, quesi a stent,
u cerca l’ultmi sol, cmè ‘na ragaza
zitelona un marit, nench senza dent.
U resta l’ultmi sol a là in faza
dov i curdlen u s’trova e i maldicent.
Da lu tu n’sint lament, nè un "vat a maza!"
o, s’t’vò, un "vat a mora d’azident!".
U trempla rincasand s’la scaraneta,
quend e’ bèl sol so m’al muraj e’ mor,
quend, e l’è spess, sa Rico dla Caseta*
u s’incontra ch’u ‘rtorna d’e’ lavor
e u ‘l porta a bé. Sa poch prest e’ balbeta:
"A t’voj pio ben ma te che m’e’ Signor!"

Aureliano Tonelli

FRA'L BUSII D'UN CACIADOR*

S’na bèla scaja un pori tribulon
U vsena l’ost che l’è già pressa a ciud,
al boci e’ sta stasand sa dla munzion:
"Ciò, dam un mez, ancora a j ho un scud!".
Uriet l’e’ l’ost, ma sobit, da burlon,
‘t una ad cal boci u i met de’ ven avnud,
u’l dà m’e’ trempli e quest, senza un arbion,
‘t un fiet u ‘l scola tott e u s’ni va mud.
Ohi, e’ dè dop, d’artorni da cacia,
l’è senza levri e senza un stroch ad chen,
da l’ost e’ va, nervos e ner in facia:
"Jarsera chi t’m’è det? Che raza ad ven?
Una scuregia in liberta’ ‘t la macia,
cmè ‘ na cartocia, l’ha fat fora e’ chen!".

Aureliano Tonelli

SANZVES

Indentr'a e' védar de' bichìr l'è cêr
ch'us ved de' cant ad là.
Dò che toca l'arfà
cun cla punta d'amêr.
Sanzves, Sanzves, e' bé ross ch'u t'aiuta
a buté fura vì
tot al malincunì.
Avanti! a la saluta!
L'é coma e' bòzzal che fa post a e' fior
e de' fior l'ha l'amor.
Boca bona, che "engua!"
cma che s-ciòca la lengua!

Segnalo questa poesia dedicata al vino di Romagna:

e-mail

GLI ULTIMI RAGGI DI SOLE

Con in mano una seggiolina, (nonno Jaio) attraversa la piazza / trascinando le gambe deboli, a fatica, / va in cerca dell’ultimo sole, come una ragazza / attempata un marito, vecchio che sia. // Resta l’ultimo raggio là davanti (alla cattedrale sarsinate), / dove sono i cordellini di san Vicinio (in vendita) e i chiacchieroni (in sosta sul "murello"). / Da lui non senti una lamentela, nè un "vatti ad ammazzare!" / o, similmente, un "vatti a morire d’accidente!". // Incespica rincasando con la seggiolina, / quando il sole caldo muore sui muri, / allorché, e accade spesso, con Enrico della Casetta // s’incontra, con lui che ritorna dal lavoro / e lo porta a bere all’osteria. Con poco vino (il nonno) già si fa allegro e balbetta: / "Voglio più bene a te che al Signore!".

* E’ Enrico Tonelli, padre del Poeta. Egli portava spesso all’osteria di Gabanon il vecchio suocero Battista Satanassi, detto Jajo, ricevendo puntualmente in cambio una colorita manifestazione d’affetto.

FRA LE BUGIE DI UN CACCIATORE

Con una bella sbornia un poveraccio/ s’avvicina all’oste, che è ormai prossimo alla chiusura del locale/ e che sta ripulendo delle bottiglie con pallini di piombo:/ " Ohi, portami un mezzo litro, ho ancora uno scudo!".// L’oste è scioccato, ma subito, da burlone,/in una di quelle bottiglie mette del vino sfuso,/ lo da all’importuno e questi, senza batter ciglia, / lo scola tutto in un fiato e se ne va zitto zitto.// Ebbene, l’indomani, al ritorno dalla caccia, / (il poveretto) è senza lepre e senza il vecchio cane,/ va, dall’oste, arrabbiato e (dice) scuro in volto:// "Cosa mi ha servito ieri sera? Che tipo di vino?/ Un peto, partito in libertà nella macchia,/ come una cartuccia, ma ha ammazzato il cane!". 

*Fra le bugie del cacciatore può figurare anche questa gustosa barzelletta, che faceva tanto ridere il babbo del Poeta, Enrico Tonelli.

SANGIOVESE

Dentro al vetro del bicchiere è limpido (tanto) che vi si vede
oltre (dalla parte opposta). Dove tocca rifà (rinnova) con quella punta di amaro. Sangiovese, Sangiovese, il vino rosso che t'aiuta a gettar via tutte le malinconie. Avanti! alla salute! E' come il boccio che fa posto al fiore e del fiore ha il gusto (il sapore). Bocca buona, che "sangue di..." come schiocca la lingua!

Aldo Spallicci, Pampna (Poesie in volgare di Romagna), ed. Garzanti 1971.

Carducci al bar Centrale di Faenza.